19 media europei, da 13 Paesi diversi, verificano per voi la campagna elettorale in vista delle elezioni europee di maggio 2019

Un fatto da verificare?

Nel 2011 il parlamento tedesco ha approvato il bilancio irlandese?

Legislazione
Fact-check

TheJournal.ie, Irlanda

17 maggio 2019, Aggiornato il: 24 maggio 2019

Nel 2011 il parlamento tedesco ha approvato il bilancio irlandese?

Hermann Kelly, leader del Partito Irexit candidato alle elezioni europee, ha detto che il bilancio irlandese non dovrà mai più essere approvato dal Bundestag tedesco prima di essere esaminato nel Dail, la camera bassa irlandese.

L’affermazione, rilasciata in un video di RTÉ come parte della copertura sulle elezioni europee da parte dell'emittente nazionale e poi condivisa su Twitter, è stata utilizzata da Kelly per giustificare l’obiettivo principale del suo partito di portare l’Irlanda a uscire dall'UE.

Ma quest'affermazione è vera? Nel 2011 il parlamento tedesco ha approvato il bilancio irlandese?

Da cosa nasce quest’affermazione?

Ciascuno dei 59 irlandesi candidati alle elezioni europee ha registrato un video di un minuto con RTÉ in cui si presentano agli elettori. Nel suo video, Hermann Kelly dice: “Non dobbiamo mai più permettere all'Unione europea di imporre 64 miliardi di debito bancario su di noi o che il bilancio irlandese sia approvato dal Bundestag tedesco prima di essere esaminato dal Dail".

Kelly non fornisce contesto per questa affermazione, che aveva già fatto in precedenza. In settembre 2018, aveva dichiarato: “Nel 2011, il bilancio irlandese è stato approvato dal Bundestag invece che dal Dail. Il paese è stato gestito dalla Troika, hanno deciso la politica economica dell'Irlanda."

La prova

Nel 2011, l'Irlanda contava ancora sui fondi provenienti da Europa e Fondo monetario internazionale a seguito della crisi finanziaria.

Nel novembre 2011, TheJournal.ie, che ha prodotto questo articolo di fact-checking, ha rivelato che alcuni documenti finanziari irlandesi contenenti i dettagli del futuro bilancio erano stati distribuiti tra i parlamentari tedeschi. Un dettaglio significativo contenuto nei piani presentati alla commissione bilancio e finanza del Bundestag era che l'Irlanda avrebbe aumentato l'Iva dal 21 al 23 per cento.

I documenti erano datati 28 ottobre, il che significa che i documenti contenenti i dettagli del bilancio irlandese circolavano tra i parlamentari tedeschi settimane prima del 6 dicembre, data in cui si prevedeva che venisse reso pubblico.

La notizia aveva provocato una notevole reazione. Gerry Adams, l’allora leader del Sinn Féin, aveva affermato: “questo è un altro esempio di come la sovranità di questo stato sia stata ceduta." Il leader di Fianna Fáil Micheál Martin l’ha definita una "situazione senza precedenti". Il governo irlandese ha presentato una denuncia formale presso la Commissione europea per quanto riguarda il modo in cui i dettagli dei bilanci 2012 e 2013 erano stati divulgati al parlamento tedesco.

Tuttavia, come TheJournal.ie aveva riferito all’epoca:

Per quanto la situazione tedesca abbia ovviamente molto a che fare con la situazione fiscale irlandese, che si regge completamente sui finanziamenti d’emergenza provenienti da Europa e Fmi e soggetti a specifici termini e condizioni, non è necessariamente un affare "tedesco".

Dunque qualsiasi pregiudizio che potrebbe esistere - che la Germania abbia ricevuto i dati importanti prima di noi, soltanto perché la Germania è il principale rifornitore del fondo di salvataggio europeo - non è preciso.

Come hanno fatto i documenti a finire in due commissioni tedesche?

I dettagli del bilancio erano stati condivisi con tutti i 27 ministri europei delle finanze prima di una riunione Ecofin, il vertice dei ministri delle finanze dell'Unione europea, programmato entro il 6 dicembre, prima della presentazione del bilancio al Dail.

Prima che qualsiasi finanziamento venisse inviato all’Irlanda, i ministri delle finanze dell'Ue hanno dovuto approvare regolarmente e sottoscrivere l’assegnazione come parte del piano di salvataggio del paese da 67,5 miliardi di euro. Ciò ha richiesto l'accesso ai dettagli di bilancio dell’Irlanda. Come osservato da TheJournal.ie nel 2011, "le tempistiche quest’anno sono un po' dubbie", in quanto è stato necessario condividere i dettagli del prossimo bilancio con gli altri stati europei prima dell’approvazione nel Dail.

In Germania, il Cancelliere Angela Merkel si è trovata di fronte a sfide significative e in qualche modo uniche da parte del Parlamento tedesco durante la crisi del debito dell’Eurozona. In particolare, la commissione per il bilancio ha esaminato con molta attenzione gli accordi attualmente raggiunti per fornire finanziamenti a stati come l'Irlanda.

Come gli altri parlamenti, il Bundestag è non solo una camera eletta composta da rappresentanti che approvano nuove leggi. Essa è composta anche da varie commissioni parlamentari che monitorano il governo federale e indagano sulle diverse aree e question politiche. A differenza dell'Irlanda, dove le commissioni parlamentari sono relativamente deboli, le commissioni parlamentari tedesche sono molto potenti e svolgono un ruolo significativo nella supervisione e approvazione delle questioni governative.

La principale affermazione di Kelly è che il Bundestag tedesco ha approvato il bilancio irlandese prima del Dail. Nel 2011 Wolfgang Schauble, come gli altri ministri delle finanze dell'Ue, avrebbe in effetti ricevuto i dettagli del bilancio irlandese. Il comportamento della Germania durante il programma di salvataggio differisce leggermente da quello di altri stati membri in ragione della significativa influenza delle commissioni parlamentari nel decidere se il paese avrebbe approvato i prestiti di salvataggio per paesi in difficoltà come l'Irlanda. Ai sensi del diritto tedesco, le commissioni dovevano ricevere tutti i documenti relativi a tali prestiti, al fine di dare il via libera agli aiuti.

Queste commissioni sono costituite da un gran numero di membri del Parlamento, con 78 membri (sui 620 seggi totali del Bundestag) che partecipano alla commissione bilancio o finanze.

Come aveva dichiarato TheJournal.ie all’epoca: “Quando il vertice Ecofin si riunirà tra due settimane, non sarà Wolfgang Schauble a decidere [di approvare la prossima tranche di aiuti per l'Irlanda] – saranno le commissioni finanza e bilancio del Bundestag tedesco".

I documenti condivisi con tutti i 27 ministri delle finanze erano stati poi condivisi con le commissioni bilancio e finanza del Bundestag per consentire loro di decidere se consentire al governo tedesco di concedere i prestiti all'Irlanda.

Il Bundestag ha quindi approvato i fondi per l'Irlanda?

Questo dipende da come si interpreta l’affermazione secondo cui il Bundestag ha dovuto approvare il bilancio irlandese.

In questo caso, i membri del Bundestag tedesco non hanno votato o approvato il bilancio irlandese nello stesso modo del Dail. Invece, due commissioni, sebbene contengano un gran numero di parlamentari, hanno ricevuto i dettagli del bilancio irlandese alcune settimane prima del Dail.

Quando contattato da TheJournal.ie riguardo alla sua affermazione, Kelly ha risposto inviando due articoli della Bbc e del Financial Times. Il reportage della Bbc non dichiara che il bilancio sia stato approvato dal Bundestag, bensì che "il documento… è stato visionato in una commissione finanze del parlamento tedesco". Analogamente, l'articolo del Financial Times afferma che " dettagli confidenziali del prossimo bilancio irlandese sono stati consegnati al Bundestag tedesco" ma non utilizza la parola "approva".

Il verdetto

Nel 2011, l'Irlanda era sprofondata in una crisi finanziaria e dipendeva fortemente dai fondi dell’Unione europea e del FMI. Per questa ragione, i ministri delle finanze europei dovevano ricevere dettagli significativi riguardo ai bilanci e alla pianificazione finanziaria irlandese, al fine di prendere decisioni più consapevoli sulla possibilità di continuare a fornire un sostegno finanziario al paese.

Il ministro delle finanze tedesco è stato uno dei funzionari europei che hanno ricevuto i dettagli del bilancio irlandese a ottobre 2011. A causa delle procedure democratiche e parlamentari della Germania, Schauble ha dovuto condividere i dettagli di bilancio irlandesi con i membri del parlamento tedesco, al fine di ottenere l'approvazione da parte delle commissioni per l’erogazione dei fondi all'Irlanda.

L’affermazione secondo cui il Bundestag tedesco avrebbe approvato il bilancio irlandese non è del tutto falsa. Due commissioni composte da un gran numero di parlamentari tedeschi ha avuto accesso ai dettagli del bilancio prima del parlamento irlandese. Queste commissioni avevano inoltre il compito di sovrintendere alle decisioni del governo tedesco riguardo ai finanziamenti diretti all’Irlanda e ha preso questa decisione basandosi sui dettagli del futuro bilancio irlandese.

Tuttavia il parlamento tedesco nel suo insieme non ha votato per approvare il bilancio. La decisione della commissione, nonostante abbia esaminato il bilancio, era orientata ad approvare il rilascio dei fondi di salvataggio per l’Irlanda da parte del governo tedesco, e non ad approvare la sostanza del bilancio stesso.

Di conseguenza, valutiamo l’affermazione secondo cui il Bundestag avrebbe approvato il bilancio prima che fosse esaminato dal Dail come: Miscela.

Stando alla guida di The Journal, ciò significa: ci sono elementi di verità nell’affermazione, ma anche elementi falsi. Oppure, le migliori prove disponibili sono distribuite in modo uniforme a supporto di e contro la rivendicazione.

Un fatto da verificare?